La Cina non era vicina. «Servire il popolo» e il maoismo all'italiana. Ferrante, S. Sperling & Kupfer, 2008.
abstract   bibtex   
Sul sessantotto italiano soffia il vento della Cina di Mao. E dalle suggestioni di un'idea alternativa di comunismo nasce uno dei gruppi più originali della sinistra extraparlamentare: l'Unione dei comunisti italiani (marxisti-leninisti), meglio conosciuta con il nome del loro giornale, "Servire il popolo". È una breve stagione, la loro, compresa tra il grande big bang della rivolta giovanile e la dissoluzione dell'autunno 1975, celebrata dal rito di addio, in 271 errori, del leader Aldo Brandirali. I "cinesi" italiani passeranno alla storia come quelli del matrimonio comunista, dell'asilo maoista, quelli che attiravano gli artisti e "servivano il pollo" anziché il popolo. Meno fascinosi e più dimenticabili, perché la militanza nell'Unione non costituisce pedigree, come accaduto per altri gruppi extraparlamentari che pure hanno segnato in modo ben più drammatico la storia d'Italia. Slanci generosi e vacue illusioni, dogmatismo e utopia, ori e tradimenti: la storia del maoismo all'italiana è stata tutto questo e molto di più. Una vicenda corale cui compaiono - protagonisti o comprimari - molti volti noti dell'Italia di oggi (da Michele Santoro a Renato Mannheimer, dai fratelli Pennacchi a Marco Bellocchio, da Lou Castel a Enzo Lo Giudice, da Barbara Pollastrini a Linda Lanzillotta): un piccolo esercito di sognatori che credeva di poter cambiare il mondo.
@book{stefano_ferrante_la_2008,
  abstract = {Sul sessantotto italiano soffia il vento della Cina di Mao. E dalle suggestioni di un'idea alternativa di comunismo nasce uno dei gruppi più originali della sinistra extraparlamentare: {l'Unione} dei comunisti italiani (marxisti-leninisti), meglio conosciuta con il nome del loro giornale, {"Servire} il popolo". È una breve stagione, la loro, compresa tra il grande big bang della rivolta giovanile e la dissoluzione dell'autunno 1975, celebrata dal rito di addio, in 271 errori, del leader Aldo Brandirali. I "cinesi" italiani passeranno alla storia come quelli del matrimonio comunista, dell'asilo maoista, quelli che attiravano gli artisti e "servivano il pollo" anziché il popolo. Meno fascinosi e più dimenticabili, perché la militanza {nell'Unione} non costituisce pedigree, come accaduto per altri gruppi extraparlamentari che pure hanno segnato in modo ben più drammatico la storia {d'Italia.} Slanci generosi e vacue illusioni, dogmatismo e utopia, ori e tradimenti: la storia del maoismo all'italiana è stata tutto questo e molto di più. Una vicenda corale cui compaiono - protagonisti o comprimari - molti volti noti {dell'Italia} di oggi (da Michele Santoro a Renato Mannheimer, dai fratelli Pennacchi a Marco Bellocchio, da Lou Castel a Enzo Lo Giudice, da Barbara Pollastrini a Linda Lanzillotta): un piccolo esercito di sognatori che credeva di poter cambiare il mondo.},
  added-at = {2009-11-07T13:09:50.000+0100},
  author = {Ferrante, Stefano},
  biburl = {http://www.bibsonomy.org/bibtex/2b07efbac64a5f1d97d58d112872a83bb/orcival},
  interhash = {c50bca52ecd2eef299784d34d0390992},
  intrahash = {b07efbac64a5f1d97d58d112872a83bb},
  isbn = {9788820045746},
  keywords = {{Geschichte-Italien-20.\_Jhd.-1943-1993-1960er-70er\_Jahre,} {Geschichte\_der\_Linken-Italien-Neue\_Linke-Maoismus,} {Geschichte-China-20.\_Jahrhundert-1960er-70er\_Jahre,} Maoismus Besorgen},
  publisher = {Sperling \& Kupfer},
  series = {Le radici del presente},
  timestamp = {2009-11-07T13:10:02.000+0100},
  title = {La Cina non era vicina. {«Servire} il popolo» e il maoismo all'italiana},
  year = 2008
}
Downloads: 0